Il blog di eDreams icon
Il blog di eDreams
  •   5 minuti di lettura

Genova, la “superba”, “città d’arme e di commerci” dove ogni angolo conserva intatto il fascino dell’antica Repubblica marinara. Il suo centro storico è tra i più estesi d’Europa e, dal 2006, patrimonio mondiale dell’umanità dell’UNESCO. Le sue bellezze artistiche sono custodite in eleganti palazzi nobiliari e la sua anima più autentica nascosta in stretti vicoli fiancheggiati da case altissime. 

Genova è di sicuro un luogo che non smette mai di stupire. Se in una città così stimolante non sai come orientarti ti aiutiamo noi. eDreams ha scelto per te le 10 cose de vedere assolutamente durante il tuo soggiorno nello splendido capoluogo ligure.

1. Lanterna di Genova

Lanterna Genova

Il tuo tour di Genova non può non iniziare dalla Lanterna, simbolo indiscusso della città.  Risalente al 1128 e ricostruita nel 1543, è il terzo faro più antico del mondo ancora in attività. Con i suoi 77 metri, è il faro più alto del Mediterraneo e il secondo d’Europa. Durante la tua visita sali fino alla cima del faro (preparati ad affrontare ben 172 scalini!) per godere di un panorama vertiginoso sul porto e sulla città vecchia. Una volta sul posto non perdere l’opportunità di visitare il Museo della Lanterna, un museo multimediale sulla storia della città.

2. Rolli di Genova

Palazzo Rosso Genova

Lasciati stupire dal fascino dei Palazzi dei Rolli, le sontuose residenze della nobiltà genovese. Originariamente chiamati Rolli degli alloggiamenti pubblici di Genova, erano le liste delle dimore di nobili famiglie genovesi che offrivano ospitalità ai personaggi illustri di passaggio in città. 

In base al loro bellezza e prestigio, i Palazzi erano divisi in tre categorie (bussoli) a ognuna della quale erano abbinati gli ospiti a seconda del loro rango: il primo bussolo era destinato a cardinali, principi e viceré, il secondo bussolo era per feudatari e governatori e il terzo per principi e ambasciatori. Nel 2006, 42 di questi palazzi (su 114) sono stati dichiarati patrimonio dell’umanità dall’UNESCO e si concentrano soprattutto in via Garibaldi, Balbi, Lomellini e San Luca.

3. Porto Antico di Genova

Porto Antico di Genova

Genova e il mare: un legame indissolubile. Tutta la storia di Genova è legata al mare e questo rapporto inscindibile è ben rappresentato dal porto, antica porta di accesso della città. Riprogettato da Renzo Piano nel 1992, in occasione del cinquecentenario della scoperta dell’America, il Porto Antico di Genova è uno dei principali poli turistici in città.

In quest’area potrai visitare numerose attrazioni, come la Biosfera, una bolla in acciaio e vetro sull’acqua che racchiude al suo interno una vegetazione tropicale, il Bigo, una struttura metallica a forma di gru con ascensore panoramico, la Città dei Bambini, il più grande museo ludico per i bambini dai 2 ai 14 anni e naturalmente l’Acquario.

4. Acquario di Genova

delfini acquario di Genova

L’attrazione più famosa e amata di Genova (oltre 1 milione di visitatori all’anno!) è l’Acquario. Progettato da Renzo Piano nel 1992 è il più grande acquario italiano e il secondo in Europa dopo quello di Valencia. Questo parco marino ospita 12.000 esemplari di 600 specie diverse rendendolo la più ricca esposizione di biodiversità acquatica di tutta Europa. Sei pronto per un viaggio nei misteriosi abissi del pianeta azzurro? Lasciati ipnotizzare delle meduse che fluttuano lentamente nell’acqua, osserva i pinguini mentre camminano con il loro andamento buffo e ritrovati faccia a faccia con gli squali e tante altre specie marine.

5. Centro storico di Genova: i caruggi e via del Campo

caruggi Genova

Non c’è modo migliore per scoprire il fascino antico di Genova che passeggiare nel suo centro storico, un’esperienza sensoriale a tutto tondo che ti trasporterà nel cuore pulsante della città. È un luogo suggestivo e ricco di storia, un labirinto di caruggi, i pittoreschi vicoli di origine medievale che si incrociano continuamente per poi aprirsi in modo inaspettato su piazze da cui si dipanano altri vicoli. 

Strade che raccontano forse più di ogni monumento la storia autentica della città, in cui addentrarsi e perdersi tra botteghe, profumi e odori di ogni tipo. Ma anche tra culture e lingue diverse. L’essenza di Genova, infatti, risiede nella sua multiculturalità e proprio nei carruggi, che sono da sempre un melting pot, trova la sua massima espressione. 

Durante la tua passeggiata non mancare di passare per via del Campo la strada cantata da Fabrizio de André nell’omonima canzone. Qui al numero 29 rosso troverai uno spazio espositivo con dischi in vinile, fotografie e altre curiosità legate al cantautore genovese.

6. Via Garibaldi

via Garibaldi Genova

Inserita nella lista dei patrimoni dell’umanità dell’UNESCO, questa via è dotata di un’impressionante ricchezza architettonica. Originariamente denominata strada Maggiore, poi strada Nuova, fino all’Ottocento fu conosciuta con il nome di via Aurea. Nel 1882 venne, infine, dedicata a Giuseppe Garibaldi. 

Questa strada fa da meravigliosa cornice ai Musei di Strada Nuova, composti da tre importanti palazzi genovesi: il Palazzo Rosso, ornato da preziosi arredi e tesori artistici di proprietà della famiglia nobiliare dei Brignole, il Palazzo Bianco che ospita un’importante collezione del XVI-XVII secolo e capolavori di Caravaggio, Rubens, Van Dyck e il Palazzo Doria Tursi, sede del comune in cui è possibile ammirare il famoso violino appartenuto a Paganini.

7. Cattedrale di San Lorenzo

cattedrale di San Lorenzo Genova

La chiesa più importante di Genova è la cattedrale di San Lorenzo. Eretta intorno all’anno 1098 ha subito diversi rimaneggiamenti fino al XVI secolo, da qui la presenza di diversi stili architettonici sia all’interno che all’esterno. Presenta una facciata gotica in stile genovese a righe bianche e nere, le fiancate in stile romanico, mentre il campanile risale al XVI secolo. 

L’interno è diviso in tre navate e custodisce le ceneri del patrono della città San Giovanni Battista. Da non perdere il Museo Diocesano e il Museo del Tesoro, cui si accede dall’interno della cattedrale, in cui sono esposti l’Arca delle Ceneri di San Giovanni Battista ed altri oggetti legati al culto del santo.

8. Piazza De Ferrari

piazza De Ferrari Genova

Piazza principale di Genova, luogo di ritrovo e sede dei più importanti eventi cittadini è dedicata a Raffaele De Ferrari, duca di Galliera, grande benefattore della città. Al centro della piazza c’è una monumentale fontana di bronzo con giochi d’acqua costruita dall’architetto Cesare Crosa di Vergagni nel 1936. Sulla piazza si affacciano importanti edifici quali il Teatro Carlo Felice, il Palazzo dell’Accademia Ligustica di Belle Arti e la Civica Biblioteca Berio, progettati nella prima metà dell’Ottocento da Carlo Barabino. 

Il lato della piazza rivolto verso il centro storico, invece, è delimitato dalla facciata laterale del Palazzo Ducale, l’edificio storico più simbolico di Genova e antica residenza del Doge, dal Palazzo della regione Liguria e dal Palazzo della Nuova Borsa, uno degli esempi più significativi di stile liberty genovese.

9. Cosa mangiare a Genova

trofie con pesto patate e fagiolini

Genova è una città con una forte tradizione culinaria e sono tante le specialità gastronomiche che ha da offrire. Qual è il piatto più tipico di Genova? La focaccia! I genovesi la mangiano in qualsiasi momento del giorno, a partire dalla colazione, inzuppata nel cappuccino, fino a cena. La puoi trovare in diverse versioni, le due principali sono quella classica all’olio e quella al formaggio.

Genova è anche la capitale del pesto, il condimento a base di basilico, pinoli, aglio, olio e parmigiano ormai famoso in tutto il mondo. Tradizionalmente si mangia con trofie, patate e fagiolini. Da provare! Altro primo da gustare i pansotti, (ravioli ripieni di erbe selvatiche) con il sugo di noci.

Per quanto riguarda i secondi, invece, la cima è un piatto tipico della gastronomia ligure e molto amato dai genovesi: consiste in una tasca di carne di vitello ripiena di diversi ingredienti come piselli, uovo, formaggio ed erbe aromatiche. Tra i dolci tipici, infine, spicca il pandolce genovese, simile al panettone con uvetta, pinoli e canditi, preparato soprattutto durante le festività natalizie nelle sue due versioni “alto” e “basso”.

10. Spianata Castelletto

vista panoramica di Genova da Spianata Castelletto

Essendo una città verticale, Genova è ricca di ascensori e funicolari, che permettono di raggiungere i punti più panoramici che circondano il centro cittadino. Il più famoso è l’ascensore in stile liberty di Piazza Portello che, in pochi minuti, ti condurrà al Belvedere Montaldo, più noto come Spianata Castelletto. Da questo “balcone” sospeso potrai godere di una meravigliosa vista a 360° sul centro storico con i suoi tetti in ardesia e sul porto di Genova. 

In alternativa all’ascensore puoi avventurarti su per le creuze (stradine strette incassate tra i muri) e raggiungere la terrazza panoramica a piedi: da via Garibaldi prendi la Salita San Francesco, che poi diventa Salita a Spianata Castelletto e in pochi passi verrai trasportato tra case colorate e scorci perfetti per scattare fotografie indimenticabili. 

Come raggiungere Genova

L’Aeroporto Cristoforo Colombo di Genova è il più grande della Liguria e collega la città con numerose destinazioni nazionali e internazionali. Si trova a circa 10 chilometri dal centro ed è facilmente raggiungibile in autobus.

L’aeroporto di Genova è anche il punto di partenza ideale per gite fuori porta nella costiera ligure e raggiungere le maggiori località turistiche noleggiando un’auto o viaggiando in treno. Le principali compagnie aeree che volano su Genova sono Volotea, Alitalia e Vueling.

footer logo
Fatto con per te