Il blog di eDreams icon
Il blog di eDreams
  •   5 minuti di lettura

Situata ai piedi dell’imponente Monte Etna, Catania è una delle città più belle della Sicilia, una regione unica e tutta da scoprire. Ricca di storia e d’arte, esempio indiscusso del barocco siciliano è stata dichiarata patrimonio dell’UNESCO insieme alle altre città della Val di Noto. Sconvolta dalla terribile eruzione dell’Etna del 1669 e dal terremoto del 1693, è stata ricostruita nel corso del tempo ogni volta più bella di prima.

È un luogo dai mille volti e visitarlo è una continua sorpresa. La sua cucina poi…è tra le più gustose della regione. Se stai programmando una breve vacanza o un weekend a Catania e sei indeciso su cosa fare non ti resta che seguire i nostri consigli. Ecco a te le 10 cose da vedere e attività da fare in questa splendida città siciliana.

1. Piazza del Duomo e Fontana dell’elefante

La tua visita di Catania non può che cominciare da Piazza del Duomo, il cuore pulsante della città. Qui sorgono la Cattedrale, il Municipio, il Palazzo Chierici, ma a catturare la tua attenzione sarà la fontana dell’elefante, simbolo della città. La fontana fu realizzata tra il 1735 e il 1737 dall’architetto Vaccarini e l’elemento principale è un una statua di basalto nero che raffigura un elefante, comunemente chiamato U Liotru

Sono tante le leggende che ruotano intorno all’origine questa statua, alcune la considerano dotata di poteri magici in grado di proteggere la città dalle eruzioni dell’Etna, altre vi vedono il simbolo di una religione orientale. L’obelisco di origini egiziane, invece, sarebbe stato portato a Catania durante le crociate.

2. Cattedrale di Sant’Agata

Se ti trovi a Catania il 5 febbraio ti accorgerai di quanto grande sia la devozione dei catanesi per Sant’Agata, la patrona della città a cui è dedicata la cattedrale. Più volte distrutta e ricostruita dopo eventi naturali sorge sul sito delle terme achilliane di epoca romana. La prima costruzione risale all’XI secolo mentre la chiesa attuale fu edificata nel corso del XVIII secolo su progetto di Palazzotto che si occupò principalmente dell’interno e Vaccarini che si dedicò agli esterni. 

La sontuosa facciata è in marmo bianco di Carrara ornata con statue e colonne. L’interno, con pianta a croce latina, è diviso in tre maestose navate. Nell’abside destra si trova la cappella di Sant’Agata con le preziose reliquie, mentre di fronte all’altare c’è il monumento funebre del celebre compositore catanese Vincenzo Bellini. 

3. Via Etnea

Da Piazza Duomo si dirama la strada più importante e scenografica di Catania: via Etnea. Un rettilineo lungo circa 3 chilometri che si sviluppa in direzione dell’Etna (da qui il suo nome) fino a Villa Bellini. È la strada dello shopping e il luogo ideale per passeggiare tra negozi, caffè e ristoranti con la cornice naturale dell’Etna: nelle belle giornate potrai vedere chiaramente il vulcano con il suo tipico sbuffo di fumo o, nei periodi più freddi dell’anno, il suo manto bianco di neve.

Lungo il percorso potrai fare un viaggio nel barocco siciliano grazie al susseguirsi di chiese e sontuosi palazzi costruiti dagli architetti Vaccarini e Battaglia dopo il terremoto del 1693 come Palazzo dei Chierici, Palazzo Manganelli e Palazzo del Toscano.

4. Monastero dei Benedettini

Situato in Piazza Dante, a pochi passi dal Duomo, il Monastero dei Benedettini di San Nicolò l’Arena è una tappa imperdibile durante la tua visita a Catania. Si tratta di uno dei complessi monastici più grandi d’Europa e rientra nella lista dei patrimoni dell’umanità dell’UNESCO.

Grazie a una visita guidata potrai ammirare gli spazi più significativi del convento come il Chiostro di Ponente, con un elegante colonnato in marmo di Carrara, il Chiostro di Levante, con un tempietto, il giardino pensile e la Domus Romana. Oggi il Monastero è anche sede del dipartimento di Scienze umanistiche dell’Università di Catania.

5. Castello Ursino

Costruito tra il 1239 e il 1240 per volere di Federico II di Svevia, il Castello Ursino era il simbolo del potere imperiale a Catania. La struttura dell’edificio presenta i tratti tipici dell’architettura federiciana: una pianta perfettamente regolare e simmetrica con un doppio perimetro quadrato e, al centro, un’ampia corte interna. Oggi è sede del Museo Civico di Catania formato in parte dalla raccolta del principe Biscari e in parte da quella del Monastero dei Benedettini.

6. Cosa mangiare a Catania

Non puoi lasciare la città senza aver prima provato  il cibo di strada catanese. Al primo posto tra i cibi da gustare assolutamente c’è il re dello street food catanese, l’arancino (con la O), la famosa palla di riso impanato, fritto e farcito principalmente con ragù che, a ogni morso, ti regalerà momenti di pura estasi culinaria. Poi ci sono le crispelle, le schiacciate e i carciofi arrostiti

Il primo più popolare di Catania, non poteva che essere dedicato all’opera più famosa di Bellini: la pasta alla Norma è un piatto molto gustoso a base di pasta al pomodoro, melanzane fritte, ricotta salata e basilico. Uno dei secondi più diffusi, invece, è il pesce spada da gustare in tanti modi o semplicemente grigliato e condito con un filo di olio. Passiamo, infine, ai dolci: tra cassate e cannoli con la ricotta, diffusi su tutta l’isola e gli iris, tipici dolci fritti catanesi ripieni con crema bianca o al cioccolato, avrai solo l’imbarazzo della scelta.

7. Piscarìa, il mercato del pesce

Tra le cose da vedere a Catania ci sono sicuramente i mercati: non c’è posto migliore per scoprire la vera anima della città. Vivi un’esperienza unica e autentica nel mercato più antico e caratteristico di Catania, la Pescheria (Piscaria): lasciati travolgere dal caos, tra colori vivaci, profumi inebrianti e rumori di lame di coltelli che tagliano e sgusciano pesce freschissimo a tutta velocità. E se durante il tuo giro tra le bancarelle ti viene fame, puoi fermarti a fare uno spuntino di mare o a gustare un ottimo cono pieno di frittura di pesce in una delle tante trattorie intorno al mercato. Buon appetito!

8. Palazzo Biscari

Poco distante dalla Pescheria sorge Palazzo Biscari, il più grande e sfarzoso edificio barocco di Catania. Incastonato tra le mura cinquecentesche e più volte restaurato nel corso del ‘700 presenta una miscellanea di diversi stili architettonici: la parte sud-occidentale è ricca di ornamenti tipicamente barocchi, mentre la parte sud-orientale è in stile neoclassico.

Il palazzo contiene oltre 700 stanze e saloni imperiosi in stile rococò, volte dipinte e ricche di affreschi e scale monumentali in marmo. Uno dei suoi visitatori più celebri fu Goethe che, durante la sua visita nel 1787, ne rimase affascinato e ne celebrò la bellezza nel suo  “Viaggio in Italia”.

8. Teatro Massimo Vincenzo Bellini

Il celebre musicista Vincenzo Bellini nacque proprio a Catania e la città non poteva non rendergli omaggio. Il teatro massimo “Vincenzo Bellini” fu inaugurato la sera del 31 maggio 1890 con l’opera Norma del compositore catanese. La facciata del teatro è in stile neobarocco mentre l’interno è formato da una sala a quattro ordini di palchi e un loggione riccamente decorato. Il soffitto è affrescato con immagini di Bellini e delle sue opere principali Norma, La sonnambula, I puritani e Il pirata. Da non perdere nell’elegante ridotto in marmo e stucchi la statua di bronzo del compositore, opera di Salvo Giordano.

10. Via dei Crociferi

Altra tappa d’obbligo è via dei Crociferi, una delle strade più belle d’Italia e un vero e proprio museo del barocco a cielo aperto. Passeggiando su questa strada, infatti, incontrerai alcune tra le chiese barocche più preziose di Catania, come la Chiesa di San Benedetto, una delle più belle chiese barocche d’Europa dichiarata patrimonio dell’UNESCO, la Chiesa di San Francesco Borgia con i suoi due ampi scaloni in pietra e il Collegio dei Gesuiti, con il chiostro, i portici e le colonne in pietra lavica. A chiudere la passeggiata lungo via Crociferi è Villa Cerami, uno dei palazzi settecenteschi più prestigiosi di Catania, ora sede della facoltà di Giurisprudenza.

Come raggiungere Catania

L’Aeroporto di Catania Fontanarossa si trova a soli 6 Km dal centro di Catania ed è il sesto scalo italiano per numero di passeggeri e il principale dell’Italia meridionale. Alcune delle principali compagnie aeree che volano su questo aeroporto sono Alitalia, Vueling e Ryanair.


footer logo
Fatto con per te